Eriksen cerca continuità, senza Lukaku sono tanti i dubbi di Conte

31 Ottobre 2020
- Di
Redazione NR
Categorie:
nerazzurrisiamonoi-eriksen-christian-inter
Tempo di lettura: 2 minuti

INTER RASSEGNA STAMPA - La Milano calcistica sta tornando a farsi risentire con grandi prestazioni in campo e con due società sempre più forti. Il periodo Covid non sta aiutando ambo le squadre a causa di diversi giocatori contagiati ma nessuno cerca alibi e ognuno continua per la propria strada. La stagione è ancora lunga ma le due milanesi vogliono sognare in grande, con la Juventus che è in affanno la speranza c'è. Pioli ha a che fare con La rosa più giovane della Serie A, discorso inverso per Conte che insieme ai suoi dirigenti hanno optato per acquisire più esperienza con l'innesco di nuovi acquisti. La Gazzetta Dello Sport ha fatto il punto della situazione su Eriksen e il reparto d'attacco in vista della gara contro il Parma.

La situazione Eriksen

L'Inter di quest'anno ha qualcosa in più rispetto alle altre squadre, nel suo percorso di crescita trova ancora qualche dubbio, uno su tutti quello di Christian Eriksen. Le parole del danese in ritiro con la nazionale non lo hanno aiutato, Conte ci sta provando ma i risultati al momento non fruttano. I nerazzurri hanno bisogno di lui, in un centrocampo che nelle ultime gare non ha brillato avrebbe fatto comodo una sua grande prestazione. Nessuna timidezza e nessuna freddezza, che Eriksen faccia vedere il suo reale valore.

L'attacco in vista di Inter-Parma

Nella gara delle 18 a San Siro mancherà il numero uno, l'infortunio di Lukaku non ci voleva. Il belga è un punto di riferimento nella squadra di Antonio Conte, il suo lavoro sporco fatto di continue sponde aiuta il gioco dell'Inter. Per completare il duo d'attacco il ballottaggio è tra Perisic e Pinamonti, con entrambi i calciatori che creano dubbi al tecnico. La conferenza di ieri mette il croato davanti al classe '99 ma le incertezze restano. Contro lo Shakhtar i nerazzurri con Perisic nel duo non hanno mai tirato in porta, il dato non è da sottovalutare ma le alternative non sono tante. Pinamonti viene da due stagioni poco convincenti con Frosinone e Genoa e il suo percorso di crescita è appena cominciato. L'attaccante ha avuto già la possibilità in questa stagione di mettere qualche minuto sulle gambe ma vederlo titolare potrebbe essere ancora troppo presto.

Seguici Su

Virgilio Degiovanni - From Hell to MetalandHomo Ethicus Oeconomicusil Salotto del CalcioVirgilio Degiovanni - From Hell to MetalandCorriere VinicoloProdotti GiuridiciAdvepa - 3D for Business
Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram