Caos Serie A, Malagò: "Lo slittamento di un turno mi sembra l'unica soluzione. Basta con le beghe da cortile"

3 Marzo 2020
- Di
Redazione NR
Tempo di lettura: 2 minuti

INTERVISTA MALAGÒ SERIE A - A proposito dell'emergenza Coronavirus e delle relativa conseguenze sui destini del campionato di Serie A, è tornato a parlare, con un'intervista a La Repubblica, il numero uno del CONI Giovanni Malagò. Il quale, dopo aver tirato le orecchie ai Presidenti di A nella giornata di ieri, ha voluto ribadire l'autonomia esclusiva della Lega Calcio nel prendere le decisioni. Ovviamente di concerto con le più alte direttive, in materia di salute, del Governo Italiano. Ecco le sue parole.

L’intervista a Giovanni Malagò, presidente del Coni, a La Repubblica

Lo slittamento di un turno in tempi ravvicinati mi sembra l’unico modo per garantire al cento per cento la regolarità del campionato. La prossima settimana la Juventus non avrà la Champions League e l’Inter avrà a disposizione tre giorni per recuperare le energie prima dell’Europa League. I litigi tra presidenti di società? Non fa onore all’Italia. Il virus sta creando problemi enormi a tutto lo sport. C’è chi muore, chi si ammala e chi sta provando ad arginare questa emergenza planetaria: direi che è tempo di smetterla con le beghe da cortile. Nel rispetto dei ruoli, mi auguro che la scelta migliore venga presa con ampia convergenza e condivisione. È tempo che il calcio capisca che non esistono atleti di Serie A e atleti di Serie B. Essere più popolari e guadagnare di più non dà ai calciatori più diritti rispetto a chi si è magari allenato molto più di loro per ottenere un pass olimpico. È una questione di rispetto".

Malagò sul rinvio delle gare di Serie A

"La parola rinvio non dovrà più essere usata: come si può rinviare una o Più gare di due mesi e mezzo? Quale certezza può garantire una simile decisione? Inter-Samp senza data utile? Vero, e rimane più delicata la situazione di Lombardia e Veneto. Lì il problema è più complesso, però il cerchio si sta chiudendo. Le criticità vanno capite e affrontate in modo adulto, anche perché siamo di fronte a un evento più unico che raro".

Una nuova Calciopoli in Serie A?

"Ma non c’entra niente, è imbarazzante! Il fatto è che i tifosi caricano i loro dirigenti e questi li assecondano finendo di parlare come loro. Non va bene".

Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
Privacy Policy-
Cookie Policy
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram