Caos Serie A, Malagò all’attacco dei Presidenti: "Non accettano che ci sia un soggetto a gestire la Lega Calcio"

2 Marzo 2020
- Di
Redazione NR
Tempo di lettura: < 1 minuto

SERIE A LEGA MALAGÒ – Non poteva mancare la voce autorevole del Presidente del CONI, Giovanni Malagò, nelle polemiche degli ultimi giorni che hanno sancito la guerra aperta tra alcuni club, in particolar modo l’Inter, e la Lega Calcio. Intervenuto ai microfoni di Radio Anch’io Sport’ su Radio Uno, il numero uno dello sport italiano ha parlato dei problemi della Lega che portano a confusioni decisionali. Ecco le sue parole.

Malagò e le dinamiche Lega-Club in Serie A

"Da noi ci sono problemi di politica sportiva. Finché ci sono dinamiche in Lega per mantenere un certo numero di squadre, noi possiamo parlare di quello che vogliamo ma i ragionamenti non saranno orientati al buon senso. Per prendere certe decisioni bisogna decidere, se la base non è d’accordo arriverà un nuovo presidente e un nuovo amministratore delegato. Io sono stato commissario di questo surreale mondo della Lega Serie A, il problema è culturale. I presidenti non accettano che ci sia un soggetto a gestire la Lega. La governance, come tutte le leghe del mondo che contano, è fatta da qualcuno che è terzo e si assume la responsabilità. Loro invece vogliono contare. È la filosofia del padrone e non collima con questa idea".

Malagò: le competenze della Lega Serie A su Juventus-Inter

"Juventus-Inter? È competenza della Lega. O si gioca il 9 a porte aperte, o si naviga a vista. Ci sono 202 paesi collegati, un miliardo e duecento milioni di persone. Facciamo fatica a dire alle compagnie aeree di portare i nostri atleti a disputare le gare in giro per il mondo se poi non riusciamo a far entrare le persone allo stadio".

Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
Privacy Policy-
Cookie Policy
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram