nerazzurrisiamonoi-inter-suning-zhang-vendita-inter
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

INTER SUNING BC PARTNERS – Per la prima volta ieri pomeriggio, prima del vittorioso match di Coppa Italia contro la Fiorentina, un esponente di spicco della dirigenza nerazzurra – Marotta, ndr – ha confermato quello di cui vi parliamo ormai da giorni. E che il Corriere dello Sport per primo aveva posto all’attenzione dei propri lettori: Suning sta veramente trattando la cessione della società nerazzurra. L’AD interista non ha potuto smentire – come fatto invece da Zhang una decina di giorni fa – quella che ormai sarebbe una trattativa ben avviata. Che lo stesso quotidiano romano spiega nel dettaglio, aggiungendo che oggi è previsto un Consiglio d’Amministrazione straordinario in casa Inter: un passo significativo che conferma l’esistenza di una clamorosa trattativa.

Inter, la trattativa Suning-BC Partners entra nel vivo

Il fondo inglese di private equity avrebbe già avviato la due diligence nei confronti del club nerazzurro: la verifica dei documenti contabili, finanziari e fiscali della società meneghina è un passo necessario per poi formulare un’offerta vincolante. Sebbene negli uffici di Viale della Liberazione qualcuno ancora parli di trattative finalizzate alla sola entrata come soci di minoranza, la realtà appare ben diversa. BC Partenrs è infatti un fondo a vocazione maggioritaria, abituato ad impegnarsi in affari di questo tipo finalizzati al controllo totale dell’azienda interessata. Oltretutto in un momento storico come questo, avrebbe poco senso acquisire un pacchetto di minoranza: le strategie finanziarie e le scelte sul Management non potrebbero essere esercitate.

Le due strade di BC Partners per controllare l’Inter

Il quotidiano romano approfondisce la questione entrando nei meandri delle transazioni finanziarie. Sarebbe altamente improbabile lo scenario uno, quello che prevede il solo acquisto delle azioni degli attuali azionisti. Questo perché l’Inter non è un’azienda florida a livello finanziario: comprare quote di una società in perdita non è una mossa strategicamente illuminnate. Oltretutto BC Partners dovrebbe comunque sottoscrivere un aumento di capitale a copertura del debito, a prescindere da quanto valuti sul mercato la società Inter. Più plausibile è invece il secondo scenario: l’uscita parziale o totale di Suning e l’acquisto delle sue quote da parte del fondo inglese. La ricapitalizzazione dovrebbe avvenire comunque, ma BC Partners avrebbe a questo punto il controllo della società, procedendo ad una completa ristrutturazione industriale del club.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.