nerazzurrisiamonoi-zlatan-ibrahimovic-inter-milan-2...
LaPresse
Tempo di lettura: 5 minuti

INTER MILAN 1-2 – Grazie ad una doppietta di Zlatan Ibrahimovic il Milan batte l’Inter 2-1 e sale da solo in vetta alla classifica. Pioli azzecca tutte le mosse, Conte e i suoi battuti con merito.

Inter-Milan 0-1: Handanovic para il rigore di Ibra, ma lo svedese spedisce in rete sulla ribattuta

nerazzurrisiamonoi-zlatan-ibrahimovic-inter-milan-2...
LaPresse

Prima dell’inizio dell’incontro Stefan de Vrij viene premiato come miglior difensore della passata stagione. Poi via al match. E dopo un minuto subito Inter protagonista: Hakimi sulla destra irride Theo Hernandez e mette in mezzo, Donnarumma smanaccia così/così ma nessun nerazzurro arriva per il tap-in vincente. Si arriva al decimo: Kolarov stende stupidamente Ibrahimovic in area. Rigore netto per i rossoneri. Sul dischetto si presenta l’ex di turno contro Handanovic. Lo svedese calcia sulla destra del portiere, che intuisce e para, ma sulla ribattuta Ibra è il più svelto e ribadisce in rete: 1-0 per i rossoneri.

Inter-Milan: 0-2, doppietta di Ibra

nerazzurrisiamonoi-zlatan-ibrahimovic-inter-milan...
La Presse

Al 16 esimo il Milan raddoppia. Leao salta con troppa facilità D’Ambrosio e mette in mezzo. Ibra si libera con irrisoria semplicità di Kolarov e da due metri, di piatto, batte Handanovic. 2-0 e partita sempre più in salita per la Beneamata.

Inter-Milan: 1-2, Lukaku accorcia le distanze

Al 28 esimo minuto lampo nerazzurro e partita riaperta. Kolarov porta palla sulla trequarti e serve Perisic. Cross di prima del croato che trova Lukaku a centro area dopo il mancato intervento di Donnarumma. Facile tocco e 1-2 del belga. Derby vivissimo.

Lautaro di testa, Kjaer salva sulla linea

Al 31 esimo grande occasione per l’Inter. Hakimi si invola in fascia e cerca Lautaro. Il colpo di testa dell’argentino sembra vincente, ma con Donnarumma superato, Kjaer salva sulla riga. Trascorre un minuto e Barella, servito da Lukaku, può calciare un rigore in movimento: conclusione centrale e nulla di fatto. Al 44 esimo bello scambio tra l’ex United e Martinez: tiro del sudamericano a giro, facile presa di Donnarumma. I rossoneri ripartono con Calhanoglu: il turco mette in mezzo, ma non arriva nessuno. Il primo tempo si chiude con l’Inter vicinissima al 2-2. Corner di Brozovic per Lukaku: il 9 nerazzurro colpisce da solo di testa in area, ma la sua zuccata termina a lato.

Hakimi di testa, 2-2 sfiorato

La ripresa si apre senza sostituzioni. Con Lautaro Martinez che al 47 esimo cerca il jolly e calcia da lontanissimo. Palla abbondantemente sopra la traversa. Passa un minuto e Hakimi va ancora via ad Hernandez: il marocchino può calciare ma cerca l’assist, senza però che nessun compagno approfitti del suo passaggio. Al 56 esimo Leao – dopo un brutto fallo di Kessie, già ammonito, non ravvisato da Mariani – va via in campo aperto e calcia da lontano: palla rasente al palo. Al 59 esimo Hakimi si divora il pareggio. Gran palla di Vidal per l’esterno destro che si trova solo contro Donnarumma: basterebbe appoggiare di testa a Lukaku e sarebbe pareggio. Il marocchino però cerca la gloria personale e la sua zuccata termina a lato. Primi cambi per il Milan al 61 esimo: dentro Krunic per Leao. Dentro anche Castillejo per Saelemakers. Sei minuti più tardi fuori Brozovic, dentro Eriksen. Squadre stanche, ma Inter che deve quantomeno provare a pervenire al pareggio. In realtà però il Milan al 72 esimo sfiora il 3-1. Krunic, seppur in posizione defilata, si trova a tu per tu con Handanovic. Il tiro dell’ex Empoli è potente ma termina a lato.

Rigore per l’Inter, ma il VAR dice fuorigioco

Al 72 esimo episodio controverso. Eriksen sta per innescare Lukaku, ma interviene Kjaer che di fatto lancia Lukaku. Il belga viene steso in area da Donnarumma. Mariani fischia il rigore, ma poi interviene il VAR. Quella del difensore danese non viene considerata una giocata, quindi vale l’ultimo tocco di Eriksen. Niente penalty e interisti furibondi. All’83 esimo out Vidal, dentro Sanchez. Al 90 esimo il nuovo entrato cerca Perisic: la zuccata del croato termina a lato. Tre minuti più tardi bello scambio Lautaro-Lukaku: il belga, davanti al portiere avversario e in precario equilibrio, tocca e calcia fuori. All’ultimo secondo il numero 9 gira di tacco, ma ancora una volta Donnarumma para senza problemi. Si tratta dell’ultima occasione della partita. Il Milan batte l’Inter, va solitario in testa della A e i nerazzurri possono solo recriminare per le tante occasioni sprecate.

I tifosi a San Siro caricano l’Inter

nerazzurrisiamonoi-inter-bandiere-inter-raduno-pinetina
Foto di Nerazzurrisiamonoi.it

Circa 500 tifosi dell’Inter, poco prima del calcio d’inizio della partita, come documentato da NerazzurriSiamoNoi, hanno voluto far sentire la propria vicinanza ai calciatori della Beneamata.

L’Inter propone i 10 gol nerazzurri

Poco prima dell’inizio della gara, i social nerazzurri pubblicano, sperando sia di buon auspicio: “10 gol nerazzurri di Inter-Milan“.

Le scelte dei tecnici tra obblighi e necessità

Mister Conte deve quindi fare di necessità virtù e chiamare al sacrificio i suoi centrocampisti, penalizzati oltremodo dalle assenza nella linea mediana. Più agevole, in questo senso, stilare la formazione per Pioli. Il solo assente di rilievo è Ante Rebic, che non ha recuperato dall’infortunio al gomito: terapia conservativa per lui, in attesa di ulteriori controlli la prossima settimana.. Rientra Capitan Romagnoli, che ha l’arduo compito di arginare la coppia dei sogni LukakuLautaro, pronta a regalare una o più gioie al popolo nerazzurro. Eriksen parte dalla panchina.

Serie A, le ufficiali di Inter-Milan

INTER (3-5-2-): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Kolarov; Hakimi, Brozovic, Vidal, Perisic; Barella; Lautaro, Lukaku. A disposizione: Padelli, Stanković; Darmian, Ranocchia; Eriksen; Pinamonti, Sanchez, Moretti, Vezzoni, Squizzato, Satriano. 
Allenatore: Antonio Conte
Squalificati: Sensi
Indisponibili: A. Bastoni, Gagliardini, Nainggolan, I.Radu, Skriniar, Vecino, Young

MILAN (4-2-3-1): Donnarumma; Calabria, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Kessié, Bennacer; Saelemaekers, Calhanoglu, Leao; Ibrahimovic. A disposizione: Tătărușanu, A. Donnarumma; Conti, Dalot, Kalulu; Castillejo, Díaz, Hauge, Tonali; Colombo, Maldini.
Squalificati: nessuno
Indisponibili: Duarte, Gabbia, Musacchio
Allenatore: Stefano Pioli

Arbitri e designazioni arbitrali di Inter Milan

ARBITRO: MARIANI
ASSISTENTI: COSTANZO – BINDONI
IV: MARESCA
VAR: IRRATI
AVAR: CARBONE

Serie A, Inter Milan, dove vederla in TV

Il Derby di Milano, alla quarta giornata di Serie A, è trasmesso in diretta tv da Sky sui canali Sky Sport Serie A (canale 202 del satellite) e Sky Sport (canale 252 del satellite). La telecronaca è affidata a Fabio Caressa e Beppe Bergomi.

La partita è visibile anche in diretta streaming. Gli abbonati Sky possono vederla come sempre, mediante Sky Go, sia su dispositivi mobili come smartphone e tablet, sia su pc e notebook. Nel primo caso occorre scaricare l’applicazione per sistemi iOS e Android, nel secondo basta collegarsi al sito ufficiale della piattaforma da computer.

Una seconda possibilità per vedere in diretta streaming la partita è costituita inoltre da Now Tv: il servizio live e on demand della tv satellitare, acquistando uno dei pacchetti proposti, offre infatti, fra i vari eventi sportivi, anche la visione delle partite della Serie A trasmesse su Sky.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.