Sensini: "La squadra di Conceiçao farà una partita all'attacco"

14 Marzo 2023
- Di
Viola Meacci
Categorie:
Simone Inzaghi con la mano davanti alla bocca preoccupato per la sfida tra Inter e Porto di cui parla Nestor Sensini
Tempo di lettura: 2 minuti

SENSINI PORTO INTER INTERVISTA - Sergio Conceição, ricorda La Gazzetta dello Sport, è stato per ben 33 partite compagno di squadra di Simone Inzaghi. Questa sera si trovano da avversari in una sfida che può cambiare il corso della stagione per i loro rispettivi club. In quella Lazio del 1999-2000 con loro c’era anche Nestor Sensini che ha rilasciato un’intervista al quotidiano milanese in vista della sfida tra Porto e Inter.

L’intervista di Sensini sulla possibilità di Porto e Inter di arrivare ai quarti 

"L'1-0 è un vantaggio minimo, ma è un vantaggio. Mi aspetto un Porto diverso rispetto alla partita d'andata. Ci sarà un clima di fuoco, l'Inter dovrà fare una grande partita per passare il turno. Non deve farsi schiacciare dagli avversari, ma penso che la squadra di Conceiçao farà una partita all'attacco. Ecco che l'Inter deve essere brava a colpire al momento giusto e a sfruttare gli spazi. Non so dire chi passerà, spero nell'Inter".

Gli allenatori Inzaghi e Conceiçao

"In quella squadra c'erano altri che avrei visto come allenatori. Penso a Simeone, Mancini, Mihajlovic: erano giocatori che mettevano qualcosa di loro in ogni allenamento, che proponevano correzioni. Ma avevano molta esperienza in più. Simone era giovanissimo, ma era un grande appassionato. Entrambi parlavano molto di calcio. E poi ci si evolve, la carriera è imprevedibile: ci sono tanti giocatori che avevano tutto per diventare allenatori e poi non l'hanno fatto. 

Conceiçao allena il Porto da tanti anni: rimanere molto tempo in una stessa squadra non è facile. Sta facendo molto bene, ogni anno è protagonista. Inzaghi ha fatto grandi cose alla Lazio, mi piaceva molto come giocava quella squadra. L'ambiente Inter è diverso, non è facile imporsi... Mi sembra che nella sua Lazio si vedesse di più la mano dell'allenatore. Ma sta crescendo".

Le difficoltà di Inzaghi all’Inter

"Dopo Conte non è facile. Ma non ho visto criticità da questo punto di vista. Inzaghi ha anche preso scelte forti, come su Handanovic. Non mi sembra che i giocatori non lo seguano. La società deve continuare a credere in lui: un allenatore ha bisogno di tempo. Nel calcio di oggi si cambia con troppa facilità. I club seri sono quelli che trattengono un allenatore in difficoltà, non che guardano ad altri".

Inzaghi e Conceiçao come compagni di squadra

"Sergio era molto chiuso, ma dentro al gruppo stava benissimo. Io, lui, Fernando Couto: tra di noi avevamo un bellissimo rapporto. Non era quello che prendeva iniziativa, ma gli piaceva anche scherzare. Inzaghi era giovane e di conseguenza aveva un atteggiamento molto rispettoso. Ma ci teneva sempre a vincere: quando non succedeva, si arrabbiava molto. Lo stesso accadeva se prendeva un calcio in allenamento…

La sconfitta con lo Spezia? Non è il massimo, sicuramente. Vincere prima vuol dire arrivare con fiducia e sicurezza. Però la Champions è un'altra cosa, c'è una spinta extra".

Su Lautaro

"È il bomber dell'era Scaloni. Al Mondiale secondo me non stava benissimo ed è venuto fuori Julian Alvarez, che ha caratteristiche diverse. Ma Lautaro è il goleador, penso che abbia raggiunto un livello straordinario. Arrivare all'Inter da giovane non è semplice, molti sono durati poco e invece lui sta crescendo di mese in mese. Oggi qualsiasi squadra lo vorrebbe avere".

SEGUI NERAZZURRISIAMONOI.IT SU INSTAGRAM

Seguici Su

Advepa - 3D for BusinessMr. Sgravo - discord Specialist by Sgravotech
Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram