nerazzurrisiamonoi-vidal-arturo-inter-champions-league
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

VIDAL-CALHANOGLU – Archiviata la fondamentale vittoria per 3-1 sullo Sheriff, l’Inter deve tuffarsi in campionato: domenica c’è il Derby d’Italia contro la Juventus.

Inter-Juventus, la partita che tutti vogliono vincere (e nessuno perdere)

nerazzurrisiamonoi-nicolo-barella-inter-juventus-esultanza-2-0...
LaPresse

L’anno scorso finì 2-0 per l’Inter. Con i gol di Vidal e Barella i nerazzurri detronizzarono la Juventus, capendo finalmente di poter davvero lottare per il Tricolore. Fu una delle partite della svolta verso il 19 esimo Scudetto della Beneamata. Quest’anno la posta in palio è altissima. I padroni di casa sono terzi, lontani ben 7 punti dal Napoli capolista. I bianconeri addirittura settimi, a tre punti dalla squadra di Inzaghi. Facile fare quindi i conti. Chi vince, oltre ad avere uno slancio emotivo non da poco, potrà proseguire la scalata ai vertici della classifica, per ora altissima riferendosi all’Inter, di chi vuole tornare a respirare un’aria importante, se parliamo della Vecchia Signora.

Tornano Bastoni e Darmian, dubbio Vidal-Calhanoglu

nerazzurrisiamonoi-alessandro-bastoni-matteo-darmian-malpensa...
|NerazzurriSiamoNoi.it

Simone Inzaghi non ha ancora scelto in via definitiva l’undici anti Juventus. Ma sicuramente la gara contro lo Sheriff gli ha dato alcune indicazioni molto importanti, di cui il mister piacentino terrà certamente conto in vista della gara contro gli storici rivali. Ecco quindi che in difesa, davanti a Capitan Handanovic, nonostante un’ottima prova di Dimarco, Bastoni dovrebbe nuovamente partire nel trittico composto anche da Skriniar e de Vrij. Sulla destra Dumfries si accomoderà in panchina, con Darmian pronto a partire dal primo minuto. Confermatissimo a sinistra Perisic, tra i migliori in Champions League. A centrocampo Brozovic e Barella sono sicuri del posto, mentre Vidal ha sfruttato l’occasione, insinuando il tarlo del dubbio nella mente di Inzaghi. Il cileno o Calhanoglu si giocano una maglia. In attacco, salvo sorprese dell’ultimo secondo, Lautaro e Dzeko sono intoccabili.

nerazzurrisiamonoi-vidal-arturo-inter-champions-league
LaPresse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui