Inter-Viviano, la società orientata a non tesserare il portiere svincolato

14 Febbraio 2020
- Di
Redazione NR
Tempo di lettura: < 1 minuto

INTER VIVIANO - È stato bello, per Emilano Viviano, aver accarezzato l'idea di diventare un giocatore dell'Inter. Passare da svincolato ad entrare a far parte della rosa di una squadra che lotta per lo scudetto è stato un sogno per cui valeva la pena provare. Secondo quanto riportato stamane da La Gazzetta dello Sport infatti, la dirigenza nerazzurra pare aver deciso: Viviano non sarà tesserato. Il recupero di Handanovic, che procede secondo i piani, e probabilmente la ritrovata sicurezza mostrata da Padelli nel match contro il Napoli, avrebbero convinto Marotta e soci a non inserire quello che sarebbe addirittura un quinto portiere in rosa. Ecco la situazione nel dettaglio.

Inter-Viviano, il matrimonio non si farà

Scrive la Rosea: "I portieri a disposizione di Conte non cambieranno, l'Inter andrà avanti con Padelli, Berni e Stankovic in attesa del rientro di Handanovic, ormai non più distante nel tempo. L’orientamento, emerso già nella tarda sera di lunedì scorso, è sempre più confermato. Tanto più he il capitano si avvicina al ritorno in campo. Ieri era ad Appiano, insieme agli infortunati Gagliardini ed Esposito. Domenica a Roma in porta ci sarà ancora Padelli, sarà così pure in Bulgaria per l’andata dei sedicesimi di Europa League con il Ludogorets. L'idea di Conte è quella di far giocare allo sloveno almeno una partita prima di Juventus-Inter del primo marzo. Quindi una gara tra la sfida alla Samp e il ritorno col Ludogorets. Viviano, a questo punto salvo colpi di scena, non sarà tesserato. L'impressione è che l’opzione tornerebbe d’attualità solo in caso di contrattempi al momento non preventivabili".

Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
Privacy Policy-
Cookie Policy
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram