nerazzurrisiamonoi-martinez-lautaro-inter-barcellona2...
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

INTER LAVORO – I nerazzurri, rientrati in nottata in Italia dopo la sconfitta per 2-1 in Champions League contro il Barcellona, hanno svolto giovedì una seduta mattutina al Centro Sportivo Suning. Defaticante per chi è sceso in campo per tutta la partita contro i blaugrana, esercitazioni tecnico tattiche per chi invece non ha preso parte al match contro Messi e compagni. Insomma Conte non perde tempo. Inter subito al lavoro.

Barcellona è il passato, l’Inter guarda al futuro

nerazzurrisiamonoi-martinez-lautaro-inter-barcellona2...
Getty Images

Sicuramente la prestazione dell’Inter al Camp Nou, almeno per quello che riguarda il primo tempo e parte della ripresa, è stata, visto l’avversario, la migliore della stagione. Senza voler esagerare, una squadra così, contro un rivale forte come il Barcellona, non la si vedeva da parecchio tempo. È vero poi che il risultato è stato negativo e che i nerazzurri dovranno necessariamente vincere almeno una delle due partite contro il Borussia Dortmund per passare il turno. Ma è altrettanto vero che giocando così si potrà arrivare lontano. Ecco perché Conte ha già chiesto ai suoi giocatori di replicare tutti gli aspetti positivi della serata catalana, prestando però attenzione al non sentirsi arrivati.

Inizio di un percorso, il lavoro di Conte è appena iniziato

Il mister della Beneamata lo ribadisce in ogni conferenza stampa. “Siamo solo all’inizio di un percorso. Ci saranno tanti step davanti a voi”. E se sul piano della personalità e anche del gioco, i titolari nerazzurri possono dire di aver brillantemente superato la verifica di Barcellona, almeno nella prima frazione, lo stesso non si può dire per l’intero match e per il risultato finale. Certo davanti c’è il Barcellona di Lionel Messi. Certo se l’arbitro della gara avesse fischiato il rigore su Sensi nell’azione precedente al pareggio di Suarez parleremmo forse di una vittoria storica dei nerazzurri. Ma con i se e con i ma non si va da nessuna parte. Conte lo sa e per questo, pur soddisfatto dei suoi giocatori, pretenderà comunque di più da loro. Per essere più forti. E portare a casa i tre punti oltre ai complimenti, che non fanno classifica.

Dubbi di formazione

In vista del Derby d’Italia contro la Juventus, Conte per la sua Inter, nutre vari dubbi di formazione, che però saranno ovviamente sciolti nei prossimi giorni. Il terzetto difensivo, nonostante Godin sia stato impreciso contro il Barcellona, non dovrebbe subire variazioni. Discorso diverso per gli esterni del 3-5-2. Asamoah resta in vantaggio su Biraghi, mentre D’Ambrosio dovrebbe prendere il posto di Candreva. I tre centrocampisti centrali, Brozovic, Sensi e Barella sono stati tra i migliori di Barcellona e di inizio stagione. Occhio però alla sorpresa Vecino e a Gagliardini, considerato molto dal mister salentino. In attacco fuori Sanchez per squalifica. Lautaro pare essere l’unico certo di un posto là davanti. Lukaku è infatti al lavoro per recuperare dall’affaticamento al quadricipite sinistro. Il belga si è sottoposto in questi giorni a varie terapie e nell’ambiente interista si respira un certo ottimismo per il suo impiego domenica sera.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.