Conte: "Il risultato parla chiaro"

8 Marzo 2020
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 2 minuti

CONTE - Antonio Conte ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo la sconfitta di Torino contro la Juventus. Un brutto colpo in ottica scudetto.

Le parole di Conte

"Oggi in classifica, recupero a parte, la differenza tra noi e la Juventus sono sei punti, ovvero la sconfitta dell'andata e quella di stasera. Questi sono i dati di fatto, siamo stati bravi a rimanere nella loro scia, ma è inevitabile fare delle considerazioni. Bisogna essere positivi, serve prendere le cose giuste soprattutto nelle sconfitte. Possono aiutarti a crescere come esperienza, personalità. E' una sconfitta che ci deve aiutare a crescere e a capire quanto siamo distanti dalla Juventus, non ci deve buttare nello sconforto. Lo sapevamo che c'era un gap con loro, siamo stati bravi a tenere viva la lotta, ma abbiamo persi entrambi gli scontri diretti. Il risultato parla chiaro".

Antonio Conte, allenatore dell’Inter, ha analizzato ai microfoni di Sky Sport la sconfitta contro la Juventus. Queste le sue parole.
Analisi

“L’abbiamo persa dopo il primo gol. La partita era molto equilibrata, il secondo tempo lo abbiamo iniziato meglio noi, poi c’è stato il gol di Ramsey che ha cambiato la partita a livello psicologico. Loro sono cresciuti e noi non siamo stati capaci a riprenderci”.
Gap con la Juve

“La differenza fra noi e la Juve sono sei punti: la sconfitta all’andata e quella al ritorno. Noi siamo stati bravi a rimanere in scia ma è inevitabile fare delle considerazioni. Bisogna essere positivi e prendere le cose giuste. Nelle sconfitte puoi fare dei paragoni che ti possono aiutare a crescere su esperienza, personalità e qualità. La sconfitta ci deve aiutare a crescere e a capire quanto siamo distanti ma non ci deve buttare nello sconforto. Sapevamo che c’era un gap con loro e gli scontri diretti li abbiamo persi. A livello caratteriale e di personalità abbiamo ampi margini di crescita. Questo sicuramente dobbiamo migliorarlo. Bisogna crescere in queste componenti se vogliamo lottare per obiettivi importanti. Dispiace. Sulla reazione dobbiamo crescere e cercare di essere più decisi”.

Sul Coronavirus

“Siamo tutti esseri umani, tutti abbiamo delle famiglie ed è inevitabile che ci siano delle preoccupazioni. Far finta di niente è molto difficile, diventa difficile gestire alcune situazioni. A volte per tenere alta la concentrazione potresti anche alzare la voce ma capisci la situazione che è un po’ delicata. Mi auguro che vengano prese le migliori decisioni per tutelare tutti, indistintamente. Ci sono gli organi competenti per prendere le decisioni, ci rimettiamo a loro”.

Bilancio

“In otto anni l’Inter è andata migliorando aggiungendo giocatori di spessore. Con me è iniziato un percorso da sette mesi. Anche nella composizione della rosa cerchiamo di fare del nostro meglio. Non possiamo fare dei paragoni con una struttura che in otto anni ha sempre dominato e che ora sta iniziando a giocare partite come quelle di oggi vedendo un obiettivo più alto che si vedeva in passato. Bisogna avere pazienza. Dobbiamo continuare a lavorare ed esser bravi ad implementare anno per anno la qualità e raggiungere questi livelli che sono altissimi. I livelli della Juventus sono altissimi e le altre sono molto distanti rispetto alla Juve”.

Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
Privacy Policy-
Cookie Policy
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram