Schelotto
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

SCHELOTTO – Tra gli interisti che hanno segnato in un derby c’è anche Ezequiel Schelotto. “E’ stata un’emozione incredibile: venivo da un momento complicato e penso di esermi meritato una gioia del genere. Fra parenti, amici e colei che oggi è mia moglie si è creato il contesto perfetto per fare qualcosa di storico. Quando Stramaccioni mi ha detto di scaldarmi il fiato si è letteralmente fermato. La riconferma? Inutile starci troppo a pensare adesso, la vita va avanti. La dirigenza di allora, in ogni caso, non si è comportata benissimo, mi ha trattato come se fossi il capro espiatorio di una situazione che non andava. Una cosa cui tengo molto è il rispetto e purtroppo in quell’anno all’Inter è andata male a tutti”.

Le parole di Schelotto

“Inter-Milan, rispetto agli altri derby, è una gara diversa, in grado di darti emozioni uniche. Lo vedrò naturalmente e tiferò nerazzurro. Oggi sono sorpreso di vedere Conte sulla panchina nerazzurra, al tempo lo si vedeva come un forte rivale. Ma penso e spero che possa vincere lo scudetto, non solo il derby. Sta davvero costruendo una squadra forte ed è un grandissimo tecnico. Lautaro è passato da promessa per il futuro a certezza del presente: continuando così può diventare fra i migliori al mondo. Hakimi, poi, è un giocatore impossibile da fermare, mi sorprende la scelta del Real Madrid di non puntare su di lui. Il mio preferito tuttavia, rimane Lukaku, il giocatore più forte all’Inter a mio modo di vedere. La sorpresa di oggi? Può essere Eriksen, che sta trovando continuità”, ha concluso l’ex nerazzurro alla Gazzetta dello Sport.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.