Qui Appiano: dieci ragazzi della Primavera con Inzaghi, Gagliardini pienamente recuperato

2 Settembre 2021
- Di
Simone Togna
Tempo di lettura: 2 minuti

DIECI PRIMAVERA INZAGHI - All'allenamento odierno, insieme agli undici giocatori della prima squadra, hanno partecipato anche 10 canterani. Gagliardini, tornato ieri in gruppo, è pienamente recuperato. Il centrocampista ci sarà contro la Sampdoria.

Dieci ragazzi della Primavera per Inzaghi

nerazzurrisiamonoi-roberto-gagliardini-allenamento-appiano-2020...
|NerazzurriSiamoNoi.it

Dieci canterani per Simone Inzaghi. Insieme infatti agli undici calciatori della prima squadra, il mister piacentino ha potuto contare su un numero consistente di giovani della Primavera per i suoi allenamenti. Tra questi balza agli occhi Carboni, forse il profilo più interessante quest'anno della squadra di Cristian Chivu. Roberto Gagliardini, dopo un primo allenamento svolto col gruppo nella giornata di ieri, ha lavorato ancora insieme agli altri atleti. Per lui la convocazione contro la Sampdoria è ormai scontata. Discorso diverso per Sanchez, che punta alla sfida contro i blucerchiati ma su cui ci sarà la massima cautela.

Colidio non va all'Austria Vienna

nerazzurrisiamonoi-Colidio-Coni-idoneità...
|NerazzurriSiamoNoi.it

A causa di alcune problematiche societarie, e nonostante si trovasse già a Vienna per firmare il proprio contratto, è saltato il trasferimento di Facundio Colidio all'Austria Vienna. Ora l'Inter cercherà una nuova soluzione nei campionati dove il calciomercato è ancora aperto.

Nainggolan attacca Giulini

ilsalottodelcalcio-cagliari-nainggolan-radja-scudetto-inter-intervista
LaPresse

Radja Nainggolan, intervistato da Videolina, nelle dichiarazioni riportate da cagliarinews24.com, torna a parlare di Inter e del suo mancato trasferimento al Cagliari: "Un dispiacere enorme lasciare Cagliari. Avevo dato la mia disponibilità, anche se i tifosi dicono altro. Quest’anno ho dato una parola, che ho mantenuto, per tornare, ma è il Cagliari che non l’ha mantenuta. Io l’ho fatto, loro no. La mia roba da calcio era rimasta tutta là, appunto perché sapevo di tornare. Ho ricevuto un messaggio che mi ha fatto arrabbiare del direttore che mi ha detto di essere stato contento della mia professionalità. E non parlo di soldi: avevo un contratto pesante all’Inter e ho detto che sarei tornato in Sardegna per una certa cifra. Poi il presidente mi ha detto che era troppo e l’offerta, minore, che mi aveva fatto l’avevo comunque ugualmente accettata. Poi però questa è stata divisa in due ed è diventato impossibile".

Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
Privacy Policy-
Cookie Policy
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram