LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

INTERVISTA FARRIS – Massimiliano Farris è intervenuto ai microfoni di InterTV. Il vice di Inzaghi ha parlato della nuova stagione e di alcuni particolari che contraddistinguono i ruoli attuali degli undici in campo.

Farris sul ritiro

“Il ritiro è andato molto bene. Per noi era importante il primo approccio con la squadra, e si è letto anche della volontà del mister e nostra di conoscere il gruppo anche prima del raduno. Giorni di lavoro intensi, serviti per conoscere i ragazzi anche a livello umano. Sta a noi calarci in questa nuova realtà”.

Vice di Inzaghi dal 2016

“Devo molto a Simone così come alla Lazio. Anni intensi con grandi risultati, forse anche inaspettati, che ci hanno portato qui. Un bellissimo ricordo della Lazio, ma qui ha un sapore particolare perché diciamo che ‘gioco in casa’. Ci confrontiamo sotto tutti gli aspetti, dalla preparazione della partita alla condizione dei giocatori. Ormai con lo staff ci conosciamo da tanti anni e il lavoro settimanale viene organizzato dal gruppo”.

Ex terzino, i ricordi

“Il primo che ho è che fui scartato dall’Inter da ragazzino. Ho avuto la fortuna di giocare col Torino in A, poi tanta B e C. Sicuramente il punto più alto della carriera è ora essere qui adesso”.

Farris sul cambiamento degli esterni

“Sicuramente c’è stata un’evoluzione atletica. All’inizio l’interpretazione era offensiva o difensiva, invece ora si guarda alla copertura di tutta la fascia”.

Il cambiamento dei difensori

“Deve essere concentrato tutta la partita. Un attaccante può dormicchiare e poi magari risolvere con una giocata, il difensore invece non può farsi sorprendere mai. Dipende molto dalla preparazione in allenamento”.

A Milano dopo tanti anni

“Sono tornato a casa dopo 34 anni. La città è cambiata in meglio e ne sono molto felice. Oggi mi ritrovo qui con la maglia per la quale ho fatto il tifo da bambino con mio padre”.

Farris sulla nuova stagione

“Di proseguire il lavoro che abbiamo trovato. Continuare a essere leader in Italia, e non sarà facile, e poi possibilmente fare un passetto in più in Europa che manca alla Milano nerazzurra”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.