Milito: "Brozovic è fondamentale, quando è mancato s’è visto"

19 Aprile 2022
- di
Redazione NR
Categorie:
Condividi:
nerazzurrisiamonoi-inter-milito-diego-cambiasso-esteban-triplete
Tempo di lettura: 3 minuti

INTER MILITO - Diego Alberto Milito è stato raggiunto dai microfoni de La Gazzetta dello Sport. Nel suo intervento ha ripercorso con i ricordi le emozioni e le sensazioni dell’anno del triplete e ha parlato dell’Inter di oggi che lotta ancora per lo scudetto. Queste le parole dell’argentino. 

Il ricordo dell’Inter del Triplete

"Io ci sono passato: vincere un trofeo, arrivare in fondo a una competizione, automaticamente avvicina anche gli altri successi". Parola di Diego Milito, quello che mise insieme lo scudetto dopo la Coppa Italia, poi la Champions dopo i primi due trionfi.

È davvero così? Chi va in finale orienta anche il discorso scudetto?

"Non ho dubbi. Il derby ti lascia sempre qualcosa dentro, in positivo o in negativo. Abbiamo visto tutti quello che ha passato l’Inter dopo la sconfitta in febbraio. Sarà così anche stavolta".

In fondo, l’Inter del Triplete si alimentò proprio dei successi, uno dopo l’altro.

"Non ho mai creduto alla storia della stanchezza, alle competizioni da privilegiare. Le vittorie danno una carica in più, a me è accaduto questo. Se riesci ad andare in finale, è logico che si acquisisca maggiore fiducia e autostima per lo sprint in campionato".

LEGGI ANCHE ---> Coppa Italia, Inter – Milan: probabili formazioni e dove vederla in tv

Milito e l’Inter di Simone Inzaghi

Come si spiega l’altalena di rendimento nerazzurra?

"Me la spiego con la Champions: le partite in Europa comportano un dispendio notevole di energie nervose. L’Inter è stata protagonista, si è giocata la qualificazione con il Liverpool, poi è andata in difficoltà, una specie di contraccolpo psicologico".

In una volata come questa, qual è l’aspetto decisivo?

"La concentrazione, su tutto. Non si può pensare di essere brillanti fisicamente a fine stagione, le partite si giocano sui dettagli, sugli episodi. E poi, individualmente, ogni singolo giocatore deve essere bravo a curarsi dal punto di vista fisico".

Come si gestisce la pressione?

"Mai guardare il calendario. Il focus dev’essere solo sulla partita successiva, altrimenti si sprecano energie inutili. In questo momento, vince lo scudetto chi non lascia punti per strada. Dunque, una gara è uguale all’altra, a prescindere dal livello degli avversari".

Cosa faceva Mourinho per tranquillizzarvi, in quegli ultimi due mesi infernali?

"Sa cosa deve fare un leader? Trasmettere serenità. Non è questo il momento di caricare la squadra, che già avverte il peso della responsabilità. Gli obiettivi sono chiari a tutti, non c’è bisogno di spiegare niente a nessuno. Devi scaricare la testa, in questo Mourinho era esattamente il contrario di quel che appariva all’esterno. Era tranquillo con noi, elettrico fuori. Ma penso che in questa fase l’Inter possa avere un vantaggio rispetto al Milan".

Ovvero?

"Il fatto di aver vinto lo scorso anno. Tutti conoscono il cammino, tutti sanno cosa come approcciarsi alle gare decisive. E in assoluto, poi, credo che l’Inter abbia qualcosa in più come rosa rispetto al Milan, ha più frecce".

Chi è l’uomo chiave di questo periodo nerazzurro?

"La squadra si è sempre appoggiata al gioco per superare i momenti di difficoltà. Poi, certo, Brozovic è fondamentale, quando è mancato s’è visto".

Milito su derby di Coppa Italia Inter-Milan

Come arriva l’Inter a questa partita?

"Ora bene. Ha ripreso la marcia, il periodo negativo è alle spalle, la partita con la Juve ha segnato una svolta, le prove successive lo hanno dimostrato".

Pensa che le voci societarie intorno al Milan possano incidere negativamente sulla squadra?

"No, non in questa fase. Ormai sei arrivato a un punto in cui ti stai giocando tutto: vuole che i milanisti si facciano distrarre?"

Lei conosce bene Lautaro: cosa pensa del suo nervosismo e delle voci di cessione?

"Deve restare sereno, è un periodo troppo importante per lui e per il club. Non ho cambiato idea su di lui: continuo a ritenerlo un calciatore straordinario. Lo vuole Simeone? Non solo Diego, lo cercano in tanti. Ma da quel che capisco ogni volta che parlo con lui, so che è felicissimo a Milano e non pensa ad altro".

In definitiva: dove si decide, questo derby?

"Dentro le due aree, semplice".

Seguici Su

Logo facebookLogo InstagramLogo X Twitter
Banner Castelfalfi | visita Le Ville
Immagine del banner Fashion Design Mateverse Show di Swiss-ITMImmagine del banner per il corso di Fashion Designer di Swiss ITMMr. Sgravo - discord Specialist by SgravotechAdvepa - 3D for Business
Logo facebookLogo InstagramLogo X Twitter
Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
chevron-down