Hakimi, debutto da top player: il marocchino è già padrone dell'out destro

16 Settembre 2020
- Di
Redazione NR
nerazzurrisiamonoi-Achraf-Hakimi-arrivo-milano-nerazzurrisiamonoi...
Tempo di lettura: < 1 minuto

INTER LUGANO HAKIMI - Ok d'accordo, il test contro il Lugano non era certo dei più probanti. Ma le qualità di un giocatore, la resistenza, la forza, la dinamicità, la corsa, quelle o ce l'hai o non ce l'hai. E Achraf Hakimi, lo stantuffo di destra acquistato per 40 sonanti milioni dal Real Madrid, ha già fato vedere di che pasta sia fatto. Pronti via e subito un assist, in verità sporcato da un difensore svizzero, per il gol di Dalbert. Poi l'autogol propiziato. Ma soprattutto tanta presenza e tanta freschezza sulla fascia destra, uno dei punti nevralgici dello scacchiere tattico di Conte.

Hakimi è già l'uomo giusto

Il marocchino è stato certamente una delle note più liete dell'amichevole di ieri. I giudizi della stampa, il giorno dopo, sono unanimemente ultra positivi. Conte sembra già aver trovato il padrone della fscia destra, al punto di non ostacolare una possibile cessione di Candreva, che pure lo stesso tencico salentino aveva rigenerato dopo il periodo buio vissuto dall'ex Lazio nell'era Spalletti.

Seguici Su

Virgilio Degiovanni - From Hell to MetalandHomo Ethicus Oeconomicusil Salotto del CalcioVirgilio Degiovanni - From Hell to MetalandCorriere VinicoloProdotti GiuridiciAdvepa - 3D for Business
Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram