Getafe, parla il Presidente Torres: "Non andremo a Milano, siamo pronti a perdere a tavolino"

11 Marzo 2020
- Di
Redazione NR
Tempo di lettura: 2 minuti

INTER GETAFE TORRES - Ore frenetiche, nelle sedi istituzionali UEFA, per il caso Inter-Getafe. Com'è noto, le disposizioni del Governo italiano in tema Coronavirus hanno bloccato le competizioni nazionali ma non le partite delle Coppe Europee, per le quali deve pronunciarsi l'UEFA. Il massimo organismo sportivo del vecchio continente avrebbe già deliberato per il "si gioca", attivandosi con il governo spagnolo per una deroga speciale riguardante i voli da e per la penisola iberica. Infatti al momento nessuno potrebbe recarsi in Spagna nè tantomeno partire da lì verso l'Italia, avendo la prima bloccato qualsiasi volo. La decisione dell'UEFA, o meglio il mancato comunicato sull'annullamento della gara in programma giovedì sera a San Siro, ha scatenato reazioni di protesta. Da parte dell'assocalciatori spagnola ed italiana. Ma anche dello stesso Presidente della squadra iberica, Angel Torres. Vediamo la situazione.

Inter-Getafe, l'Assocalciatori si ribella

È della tarda serata di ieri il comunicato ufficiale, apparso sul sito dell'Assocalciatori italiana, con cui si chiede all'UEFA la sospensione dei match tra le squadre italiane e quelle spagnole in programma nella tre giorni europea di coppe. Ecco uno stralcio della nota emessa: "AIC e AFE - l'associazione calciatori spagnola, ndr - congiuntamente chiedono pertanto a UEFA che le partite che coinvolgono squadre italiane e spagnole siano sospese per poterle svolgere in condizioni di maggior sicurezza e con una minor emergenza nei due Paesi.
Il Coronavirus sta diventando un tema europeo e non più solo italiano. Confidiamo che una profonda riflessione su tutta la calendarizzazione delle competizioni europee venga fatta anche alla luce delle notizie che peggiorano di ora in ora".

Le parole del Presidente del Getafe sul match con l'Inter

"Se non cambieranno, e di molto, le condizioni, il Getafe non viaggerà in Italia. Abbiamo chiesto alla UEFA che si trovi una sede alternativa a quella di Milano. Non vogliamo andare nell’epicentro del Coronavirus, non c’è alcuna necessità di farlo. Abbiamo chiesto aiuto anche alla Federcalcio spagnola affinché esiga una sospensione. Se dovremo perdere la partita a tavolino, la perderemo. Io non mi prenderò alcun tipo di rischio. Siamo molto emozionati per questa partita ma se dovrà andare così, che sia".

Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
Privacy Policy-
Cookie Policy
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram