Jacobelli: "Inzaghi rifugge le etichette, è pragmatico"

31 Ottobre 2023
- di
Redazione NR
Categorie:
Condividi:
Xavier Jacobelli
Tempo di lettura: 2 minuti

JACOBELLI SERIE A - Il celebre giornalista Xavier Jacobelli, a margine della decima giornata di Serie A in cui si sono giocati due big match di livello, fa il quadro della tornata di gare appena trascorsa.

SEGUI NERAZZURRISIAMONOI.IT ANCHE SU FACEBOOK

Le parole di Xavier Jacobelli sul campionato

Queste le parole di Jacobelli, raccolte sul Corriere dello Sport.

"Simone Inzaghi, Massimiliano Allegri, Stefano Pioli e Rudi Garcia sanno bene ciò che vogliono e sanno bene ciò che possono perdere se, alla fine le cose non andranno come sperano. Per tutti, l’obiettivo minimo è il quarto posto, non solo per il bianconero che lo ripete a ogni pié sospinto con fare astuto, come si confà a un esperto del ramo scudetto che, nel gioco delle parti, si ritaglia su misura il ruolo del non favorito, scaricando la palla agli altri tre. Il primo dei quali, invece, non si nasconde. Inzaghi rifugge sia la patente di risultatista sia di giochista e Brera ci perdoni il ricorso ai due orribili neologismi, degenerazioni del linguaggio telesportivo che farebbe inorridire il prestipedatore dell’inarrivabile lessico, giocoliere della parola che maledirebbe chiunque dica o scriva clean sheet".

Le parole di Jacobelli su Inzaghi

Il discorso di Jacobelli, poi, si concentra proprio sull'allenatore dell'Inter.

"La verità è che Simone, fra Lazio e Inter, in carriera una finale Champions, 3 Coppe Italia, 4 Supercoppe italiane, un secondo, un terzo posto e il primo attualmente detenuto, alla guida della Beneamata ha completato la maturazione professionale. È uno dei migliori. È pragmatico e resiliente anche al fuoco amico (come dimenticare che un anno fa o poco più c’era chi voleva esonerarlo, anche dalle parti di Viale della Liberazione); è consapevole della forza di un organico qualitativamente e quantitativamente superiore rispetto alla concorrenza.

Ha liquidato il tormentone Lukaku dicendo che se n’è fatto una ragione e la ragione si chiama Thuram che gioca con Lautaro da tre mesi, ma è come se fossero tre anni. I numeri di Inzaghi schiacciano le parole: in nerazzurro 79 vittorie, 20 pareggi, 23 sconfitte, percentuale di vittorie 64,75 e, adesso, miglior attacco (25 gol) e miglior difesa (solo 5 subiti), 7 punti in più rispetto a una stagione fa, per non dire della Champions dove marcia spedito verso la qualificazione agli ottavi".

Seguici Su

Logo facebookLogo InstagramLogo X Twitter
Banner Castelfalfi | visita Le Ville
Immagine del banner Fashion Design Mateverse Show di Swiss-ITMImmagine del banner per il corso di Fashion Designer di Swiss ITMMr. Sgravo - discord Specialist by SgravotechAdvepa - 3D for Business
Logo facebookLogo InstagramLogo X Twitter
Nerazzurrisiamonoi.it - Testata giornalistica - Tribunale di Roma - Iscrizione n.81/2020
chevron-down