nerazzurrisiamonoi-inter-bergomi-giuseppe-interviste-scudetto
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

RASSEGNA STAMPA INTERVISTA BERGOMI – Beppe Bergomi è intervenuto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport per parlare di Inter. Ecco le sue parole.

Inter bella da vedere

“L’Inter è bella da vedere, attacca con qualità e idee, portando tanti uomini oltre la linea della palla. Finché sei in possesso va bene, ma quando perdi palla diventa complicato recuperare se non riesci subito a riconquistarla con la pressione alta”.

Le difficoltà di Skriniar, De Vrij e Bastoni

“I tre centrali sono forti, davvero molto forti. Ma rispetto al passato sono costretti a difendere più spesso in campo aperto e la storia si fa più complessa”.

Non la migliore premessa in vista della Juve, che fa della ferocia nelle ripartenze il punto di forza in questa prima fase dell’Allegri bis

“È vero, è così. Con lo Sheriff ci sono state diverse situazioni di pericolo: un rischio che non puoi correre contro avversari letali come Chiesa, Morata o Cuadrado”.

L’atteggiamento

“Anche. Nel senso che a volte si può accettare di lasciare che sia l’avversario a fare la partita, tirandosi qualche metro indietro col baricentro per rimanere equilibrati”.

Contro la Juve pensa che Darmian e Vidal possano rimpiazzare Dumfries e Calhanoglu?

“A Dumfries manca un ultimo salto di crescita, poi è destinato a prendersi la titolarità. Però, in ottica Juve, credo che Darmian possa garantire più equilibrio. In mezzo, invece, se sta bene, mi aspetto Calhanoglu. Altrimenti toccherà a Vidal, che porta fisicità ed esperienza fondamentali in gare così”.

Sarà sfida già decisiva?

“Sì, per entrambe”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui