Tempo di lettura: 2 minuti

NON PIANGIAMOCI ADDOSSO – Antonio Conte, nella la conferenza stampa della vigilia di Slavia Praga-Inter, non vuole creare alibi precostituiti per le svariate assenze dei nerazzurri. Il mister pugliese è infatti convinto che domani all’Eden Arena chi scenderà in campo darà il massimo e i nerazzurri potranno così disputare una grande gara.

LIVE su nerazzurrisiamonoi.it la conferenza di Conte

Non piangiamoci addosso

Non ha senso oggi piangersi addosso per la mancanza di questo o di quel giocatore. Ho sempre chiesto delle risposte ai miei calciatori e loro me le hanno sempre date. Sono un gruppo di ragazzi affidabili, sanno come superare i risultati. Siamo consci delle difficoltà della partita di domani. Io ho piena fiducia nei miei giocatori. Dovremo saper soffrire come hanno fatto Dortmund e Barcellona, o anche noi all’andata. Arriviamo qui con entusiasmo, più da squadra rispetto al primo turno”.

Più squadra rispetto all’andata

“Domani il risultato è importante. Ma nel 98% dei casi dipende dalla prestazione. Noi vogliamo sempre andare di pari passo. Crescere e giocare bene, creare occasioni, essere organizzati, deve andare di pari passo. Il risultato è importante, come vedere una continua crescita. Rispetto all’andata siamo più squadra. C’è stato più tempo per la nostra idea di calcio, ci sono stati vari step. Abbiamo bisogno di questo tipo di partite in Europa per continuare la nostra crescita”.

Squadra neonata in Champions League

“Giochi la competizione importante contro squadre top dei vari Paesi. Il Barcellona ha vinto la Liga e arriva sempre avanti in Champions. Il Dortmund è la rivale numero uno del Bayern. Lo Slavia ha già praticamente vinto il campionato. Quindi è normale trovare qualche difficoltà in più in Champions quando affronti squadre forti di questo livello. Noi vogliamo crescere in Italia, per farlo poi anche in Europa. Qui siamo una squadra agli albori, una neonata. Vogliamo crescere e continuare in questa competizione per fare esperienza tutti quanti insieme”.

Niente mercato

“Parlare oggi di mercato non mi sembra giusto. Ne parlerà la società. Ora non è il momento. Io devo ringraziare i presenti che ci hanno portato qui, stanno facendo qualcosa di importante. Pensiamo a domani. Vogliamo giocarci le nostre possibilità di qualificazione. Solo vincendo potremmo farlo, come del resto anche lo Slavia. Che vinca il migliore”.

Out Asamoah, Sensi e Barella

“Stiamo lavorando dal primo giorno di ritiro su un’idea. Il fatto che sia chiara è importante. Come lo è che tutti i giocatori della rosa abbiano sposato tale idea. Non vedo il motivo per cui cambiarla, nonostante le assenze. Ogni calciatore è pronto eventualmente per scendere in campo. Parliamo di professionisti che ho voluto io che restassero. Ripongo in loro la totale fiducia. L’esempio è stato l’ingresso di Borja Valero contro il Torino. Lui ha risposto presente, si era allenato per questo. Cambiare qualcosa non sarebbe positivo, né naturale dato che stiamo ottenendo buone risposte. Possono cambiare gli interpreti ma non lo stile di gioco. Domani non ci saranno Asamoah, Sensi e Barella“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.