nerazzurrisiamonoi-martinez-lautaro-inter-spal...
Getty Images
Tempo di lettura: 4 minuti

INTER SPAL 2-1 LAUTARO – Grazie ad una doppietta di Lautaro Martinez l’Inter batte la Spal e torna capolista solitaria delle Serie A. Di Valoti l’inutile rete della squadra ferrarese.

Altro che turnover: in campo i diffidati Skriniar e Lautaro

nerazzurrisiamonoi-inter-lautaro-martinez-spal-seriea
Foto Getty

Nonostante le 7 partite in circa 20 giorni – 3 delle quali già giocate e vinte – Antonio Conte non fa calcoli e schiera i titolarissimi, infortunati permettendo, contro la Spal di Semplici. Giocano entrambi i diffidati, Skriniar e Lautaro Martinez, mentre Gagliardini vince il ballottaggio con Borja Valero a centrocampo. D’Ambrosio terzo di difesa, Lazaro e Candreva esterni del solito 3-5-2.

Tre punti per il primato

Un’occasione da cogliere. Dopo il pareggio nel lunch match tra Juventus e Sassuolo per l’Inter diventa ancora più importante battere la Spal nella sfida delle 15.00. Con i 3 punti contro gli estensi i nerazzurri tornerebbero infatti primi in solitaria delle Serie A.

Inter-Spal: 1-0, Lautaro firma il vantaggio nerazzurro

nerazzurrisiamonoi-martinez-lautaro-inter-spal...
Getty Images

Nel primo quarto d’ora l’Inter ha il certamente il possesso palla ma non costruisce in realtà nessuna nitida occasione da rete. C’è qualche fiammata. Lazaro sulla sinistra inizia col piede giusto. Alcuni scambi tra Vecino e Candreva fanno intuire che si possa creare qualcosa di interessante, ma nulla di più. In realtà zero vero chances da gol. Poi arriva il 16 esimo e i nerazzurri passano in vantaggio. Brozovic recupera la sfera a centrocampo e da terra serve Lautaro Martinez. Il Toro avanza e anziché servire sul taglio Lukaku porta ancora palla. Qualche metro e parte il tiro appena fuori dall’area, diagonale di destro chirurgico e palla all’angolino: è 1-0.

Inter-Spal: i nerazzurri cercano il 2-0

L’Inter mantiene il pallino del gioco. Al 22 esimo, sugli sviluppi di un corner, i marcatori della Spal si dimenticano di D’Ambrosio. Il difensore campano, seppur in posizione defilata, colpisce completamente da solo. L’impatto con il pallone non è buono e la palla termina a lato. Altra ottima occasione al 32 esimo. Pasticcio della difesa ospite, Lukaku non ci pensa un secondo e calcia di destro da posizione ravvicinata. Vicari si immola e devia in angolo. Sul corner seguente Brozovic ci prova dal limite ma Berisha respinge.

Inter-Spal: 2-0, Lautaro di testa trova la doppietta

Al 42 esimo i nerazzurri pervengono al meritato doppio vantaggio. Il giro palla meneghino trova Candreva in posizione ottimale per crossare. L’assist dell’esterno destro è perfetto, così come l’inserimento e il colpo di testa di Lautaro Martinez. Tredicesimo goal tra campionato e Champions per il ragazzo di Bahia Blanca.

Conte applaude gli interisti

nerazzurrisiamonoi-inter-conte-antonio-slavia-praga-inter
Getty Images

Si va al riposo sul 2-0. Non prima di una meritevole di nota. La curva Nord intona il coro: “Antonio Conte, salta con noi, Antonio Conte, salta con noi!”. Il mister pugliese si gira verso i tifosi nerazzurri e batte le mani per una dimostrazione palese di come ci sia sempre maggiore sintonia tra i supporters della Beneamata e il loro condottiero.

Inter-Spal: 2-1, Valoti riapre il match

Ripresa che inizia col botto. Al 50 esimo Valoti buca la difesa nerazzurra, salta Skriniar e trova il diagonale vincente che riapre la gara. Handanovic non può mai arrivarci. Partita riaperta.

Inter-Spal: nerazzurri vicini al terzo gol

I nerazzurri non si scompongono e anzi, cercano di ristabilire fin da subito la de distanze con i propri avversari. Al 55 esimo Lukaku serve perfettamente Lautaro, in un’azione che sembra la fotocopia del 2-0 nerazzurro. Questa volta però Berisha è prodigioso sulla zuccata di Martinez. Cinque minuti più tardi Vecino innesca Candreva. L’ex Lazio scaglia dalla destra un tiro potente ma centrale. Con l’estremo difensore albanese che respinge non senza affanni. Occasione enorme al 68 esimo. Lukaku inventa un assist magico per Lautaro. L’argentino, completamente solo davanti a Berisha, anziché calciare di prima, s’incarta con le troppe finte con cui cerca di mettere a sedere il portiere. Si resta sul 2-1.

Spal intraprendente, Gagliardini non trova il 3-1

Dopo un primo tempo in cui l’Inter è stata nettamente padrona del gioco, nella ripresa la Spal, anche grazie al gol di Valoti ci crede di più, è messa meglio in campo e sembra più intraprendente. Al 71 esimo sono ancora i nerazzurri a sfiorare il 3-1 con Gagliardini, che però calcia fuori non approfittando di un errore della difesa estense. Tre minuti più tardi il team di Ferrara non sfrutta un’occasione enorme. Petagna di testa indirizza su Floccari che a centro area cicca il pallone e manca una facile occasione. Tutto insomma è ancora possibile.

Tre cambi per Conte

Biraghi per Lazaro, Borja Valero per Gagliardini e Godin per Candreva. Conte sfrutta tutte le sostituzione a propria disposizione e cambia, seppur in parte, la faccia dell’Inter nell’ultimo quarto d’oro. Chi è rimasto in campo è Vecino che all’83 impegna Berisha con un tiro da lontano. Anche stavolta il numero 99 è bravo nella parata.

Kurtic nel recupero non trova la porta

L’ultima occasione della gara è per la Spal. Kurtic, nel secondo dei 4 minuti di recupero concessi da Irrati, calcia dalla distanza. Palla non lontana dal palo con Handanovic che comunque sembrava sulla traiettoria. L’incontro termina così 2-1. L’Inter è di nuovo prima in solitaria della Serie A.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.