nerazzurrisiamonoi-inter-conte-antonio-pallone-inter-lazio
Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

CONTE INTER JUVENTUS – Il tecnico nerazzurro Antonio Conte è intervenuto al Festival dello Sport a Trento. Inevitabili le domande sulla situazione della sua Inter e sulla lotta scudetto con la Juventus. Ecco le sue dichiarazioni.

Conte sulla lotta scudetto con la Juventus

Juve di nuovo campione? Penso che credere non costi niente, a nessun tifoso. Bisogna poi essere obiettivi e vedere la realtà. Rispetto all’Inter ci sono due squadre davanti – oltre alla Juventus parlas del Napoli, ndr – che negli anni hanno costruito di più. Il gap c’è ed è difficile da colmare. Abbiamo iniziato un tipo di percorso per migliorarci e per diventare competitivi, rendendo i nostri tifosi orgogliosi. Serve avere una missione chiara del presente, e cosa può diventare nel futuro. Solo attraverso il duro lavoro si può arrivare ad essere protagonisti. Non dobbiamo porci limiti, ma nel contempo essere anche onesti e realisti. Non vuol dire che l’Inter non lotterà in questa Serie A”.

Su Euro 2016 da mister dell’Italia

“Mi ricordo che riuscimmo a lavorare tre settimane e mezza insieme, fu importante plasmare un gruppo dove ogni calciatore avrebbe dato la vita per l’altro. La Spagna era imbattuta da non so quanto tempo, erano i campioni del mondo in carica, fu una partita durissima. Ma nonostante la qualità non fosse tanta anche a causa degli infortuni, riuscimmo a batterli. In un’eventuale semifinale non so chi avrei fatto giocare. La mattina prima di salutarci piangemmo tutti perché consapevoli che non ci saremmo più rivisti. Si era creata un’alchimia tale da permetterci di superare selezioni fortissime. C’erano dei valori veri, si era creata una unità d’intenti che non ci permise di lasciarci con facilità”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments