Akanji rifiuta il rinnovo. Cosa può fare adesso l’Inter

Tempo di lettura: < 1 minuto

AKANJI CALCIOMERCATO INTER - L’obiettivo principale dell’Inter per sostituire Ranocchia non sembra voler semplificare le cose a Marotta. Negli scorsi giorni si era ipotizzato che Manuel Akanji, potesse accettare un rinnovo tattico con il Borussia Dortmund, per poi partire in prestito per un anno verso un’altra meta. Tale soluzione sembra essere stata scartata. 

Akanji dice no al Borussia Dortmund 

La Gazzetta dello Sport scrive che Akanji, con contratto in scadenza giugno 2023, avrebbe rifiutato l’offerta del Dortmund relativa al rinnovo. Questa scelta complica la posizione dell’Inter che adesso di troverebbe costretto ad acquistarlo a titolo definitivo. I 15 milioni chiesti dal club tedesco sono però fuori dalla portata.

Calciomercato, le possibilità dell’Inter per Akanji

La speranza che rimane ai nerazzurri si annida dietro alla volontà del giocatore. Sempre stando a quanto scrive La Gazzetta dello Sport, Akanji avrebbe scelto l’Inter come sua prossima meta e non sarebbe disposto ad accettare proposte da altri club. Per questo il Borussia Dortmund, potrebbe essere costretto ad abbassare le proprie pretese economiche per non rischiare di perdere il difensore svizzero il prossimo anno a parametro zero. E per non doversi accollare le spese di ingaggio di un giocatore da escluso dalla rosa. 

Inter di nuovo in vendita? Ipotesi e motivi...

Tempo di lettura: < 1 minuto

INTER VENDITA ZHANG - È ancora da verificare, ma secondo il Sole24Ore, molto presto potremmo sentire nuovamente parlare di possibili acquirenti delle quote di maggioranza dell’Inter. Già nelle prossime ore, Goldman Sachs, dovrebbe rilasciare un documento che descrive quali sono le caratteristiche della potenziale acquisizione. 

I motivi della famiglia Zhang per la vendita dell’Inter

Le difficili condizioni finanziarie della famiglia Zhang rendono difficile pensare che possano riuscire a restituire il prestito da 271 milioni con vari interessi, che ha fine 2021 ha fatto registrare un debito pari a 292 milioni.

La scelta di Goldman Sachs sarebbe quindi dovuta dalla volontà del fondo Oaktree Capital di non rilevare la maggioranza dell’Inter nel caso in cui si verificassero le condizioni per azionare il pegno.

L’obiettivo della famiglia Zhang sarebbe quindi quello di trovare compratori in grado di offrire per il club nerazzurro un prezzo superiore a quanto dovuto a Oaktree

Calciomercato Inter, nuovo profilo low cost per la difesa

Tempo di lettura: < 1 minuto

CHALOBAH CALCIOMERCATO INTER - In queste ultime giornate di calciomercato ci sono almeno tre club italiani in cerca di un difensore centrale. Un difensore centrale che possa essere inserito nella rosa con un colpo low cost. E, stando a quanto scritto dal sito sportivo The Athletic, sia Inter, Milan che Roma, avrebbero messo gli occhi sullo stesso obiettivo del Chelsea

Calciomercato, i primi approcci dell’Inter per Chalobah

Trevoh Chalobah sembra essere il prossimo protagonista di questa sessione di calcio mercato. Su di lui ci sarebbero sia club inglesi che esteri. Secondo quanto riportato da Sky Sport, i nerazzurri avrebbero già provato a sondare il terreno. Nel corso delle trattative che hanno portato Casadei ai ‘Blues’, Marotta avrebbe tentato di accordarsi con gli inglesi per portare il difensore in nerazzurro. Le due parti non avrebbero trovato l’intesa sulla formula del prestito che fino a poco tempo fa non trovava il favore degli inglesi. 

Il Chelsea apre al prestito

Il centrale classe 1999, dopo 30 presenze e con 4 gol e 1 assist, avrebbe però rotto con Tuchel, non riuscendo più a trovare il suo posto in squadra. Per il Chelsea, infatti, la priorità adesso sarebbe quella di prendere Fofana dal Leicester. Per questo potrebbero accettare di far partire Chalobah in prestito secco.

Dzeko, decisioni importanti in arrivo sul suo futuro

Tempo di lettura: < 1 minuto

DZEKO RINNOVO INTER - Mentre in via della Liberazione si pensa a chi debba partire e chi deve arrivare, c’è chi sembra aver deciso di restare. Secondo quanto riportato da Calciomercato.com Edin Dzeko sembrerebbe aver informato la società di voler prolungare il suo soggiorno in nerazzurro. 

Le alternative all’Inter per Dzeko

Nonostante le avance di Juventus e Borussia Dortmund, l’ex Roma non vorrebbe mollare il suo posto all’Inter. In maglia nerazzurra la sua posizione da numero nove potrebbe essere oscurata dalla presenza di Romelu Lukaku. Romelu Lukaku. Questo però non sembra far cambiare idea a Dzeko che in bianconero vestirebbe i panni del vice Vlahovic, mentre in nel club di Bundesliga prenderebbe momentaneamente il posto di Haller.

Condizioni per il rinnovo in nerazzurro 

La coppia Dzeko-Correa sembra però funzionare bene per Inzaghi. Il bosniaco può quindi pensare al rinnovo. Per continuare con l’Inter dovrà però accettare una netta diminuzione del proprio ingaggio. Per le casse nerazzurre infatti i 9.25 milioni di euro lordi - 5 milioni netti - a stagione sono troppi.

Il Borussia Dortmund frena Akanji. L’Inter valuta le alternative

Tempo di lettura: 2 minuti

CALCIOMERCATO INTER AKANJI ACERBI - Il mercato dell’Inter in entrata sembra essere ancora aperto. L’innesto principale da inserire nella rosa è un difensore che prenda il posto di Ranocchia. Sostituirlo però non sembra affatto semplice per Marotta. Il primo nome sulla lista è Manuel Akanji, ma la fumata bianca sembra sempre più lontana.

Calciomercato Inter, le divergenze con il Borussia Dortmund per Akanji

L’Inter nei giorni scorsi  stato impegnato a cercare un accordo con il Borussia Dortmund per Manuel Akanji. Nonostante il difensore abbia il contratto con scadenza 30 giugno 2023, il club tedesco non è disposto a cederlo per una cifra inferiore ai 15 milioni, anche se, scrive il Corriere dello Sport, la cifra che preferirebbero ricevere è pari a 20 milioni. 

Marotta non molla Akanji

I nerazzurri hanno già trovato un accordo di massima per Akanji, che sarebbe disposto ad accettare il rinnovo con il Borussia per poi partire per un anno in prestito. In via della Liberazione sperano che dalla Germania accettino tale formula, ma per il momento la risposta sarebbe stata un secco no. Marotta, seppur con poche speranze, non vuole lasciare nulla di intentato. Sempre secondo il Corriere dello Sport nei prossimi giorni potrebbe provare a parlare nuovamente con il Borussia. 

Calciomercato, se per l'Inter sfuma Akanji si apre la pista Acerbi

Da un giovane classe 1995 con esperienza in campo internazionale a un ‘usato garantito’. Sarebbe questa la prospettiva dell’Inter. Infatti la prima alternativa ad Akanji sarebbe Acerbi. Non sono messe in dubbio doti ed esperienza. Il problema sono i 4 milioni richiesti dalla Lazio, ritenuti dai nerazzurri eccessivi per il 34enne. Lotito però potrebbe aprire al prestito. Per il presidente biancoceleste le strade percorribili in tal senso sono due. O il prestito oneroso. Oppure un prestito gratuito ma con obbligo e non diritto di riscatto.

Acerbi puntato dal West Ham preferisce la Serie A 

È di qualche ora fa l’indiscrezione del sito di news biancoceleste La Lazio Siamo Noi, secondo cui su Acerbi ci sarebbe l’interessamento del West Ham. Per l’ex Sassuolo però la meta inglese non rientra nei piani. Il suo obiettivo sarebbe rimanere in Serie A anche se ha già rifiutato offerte di Monza e Torino. Il vero sogno è quello di tornare sotto la guida di Simone Inzaghi vestendo la maglia nerazzurra.

Vieri: “L’Inter ha sbagliato con Bremer. Vi spiego il perché”

Tempo di lettura: < 1 minuto

VIERI BREMER INTER - Nel suo consueto appuntamento con Bobo Tv, l’ex Inter, Christian Vieri, ha commentato il mancato arrivo di Gleison Bremer in nerazzurro. Queste le sue parole. 

Vieri commenta il mancato acquisto di Bremer da parte dell’Inter

"Secondo me la società ha fatto un grandissimo errore a non prendere Bremer, è il miglior difensore che c'era in Europa sul mercato: ce l'avevi, Skriniar lo ringraziavi a vita ma lo mandavi. Bremer fa le scarpe a tutti gli attaccanti: l'hanno tenuto lì, grande errore, dovevano prenderlo subito”.

Il giudizio complessivo di Vieri sull’Inter

“Per me l'Inter è la più forte del campionato: ha 4 attaccanti incredibili, ha perso Perisic e preso il migliore possibile”.

È fatta per Casadei al Chelsea: le cifre

Tempo di lettura: < 1 minuto

CASADEI CHELSEA CALCIOMERCATO INTER - Cesare Casadei sembra ormai essere pronto per salire su un aereo che lo porterà in Inghilterra. L’Inter, infatti, dovrebbe aver trovato un’intesa con il Chelsea per il giovane classe 2003.

Calciomercato Inter, il giovane Casadei vola in Inghilterra: le ultimissime

Le ultime indiscrezioni di calciomercato parlano di 15 milioni di euro per il cartellino di Cesare Casadei, più altri 5 di bonus. Prima della firma, il giovane talento dell'Inter dovrà effettuare le consuete visite mediche che potrebbero avere luogo già nella giornata di oggi. A riportarlo è il Corriere dello Sport.

L’Inter cerca il vice de Vrij in Bundesliga

Tempo di lettura: 2 minuti

AKANJI CALCIOMERCATO INTER - L’Inter ha ormai perso Ranocchia molte settimane fa, ma non è stato ancora in grado di trovarne un sostituto. Lo scoglio più grande da superare è il problema liquidità che non permette a Marotta di andare in pressing per un fuoriclasse, come richiesto più volte da Simone Inzaghi. A questo proposito potrebbe giocare a fare dei nerazzurri la situazione di Manuel Akanji, che l’Inter sembrerebbe aver inserito nella lista delle possibili scelte come vice de Vrij

Calciomercato Inter: l’opzione Akanji

Il centrale classe 1995, Manuel Akanji, ha con il Borussia Dortmund un contratto con scadenza 2023. Più volte il club tedesco ha proposto al giocatore svizzero, di origini nigeriane, il rinnovo, ma le offerte sono sempre state rispedite al mittente. L’interessamento dei nerazzurri potrebbe però cambiare le carte in tavola. Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport Akanji vorrebbe fortemente trasferirsi a Milano. Tanto che potrebbe aver deciso di accettare le condizioni del Borussia Dortmund per il rinnovo. Dietro a questo cambio di opinione di sarebbe la possibilità di prolungare il contratto per un anno, così da potersi trasferire con la formula del prestito con diritto di riscatto all’Inter.

Inter e Borussia Dortmund cercano l’accordo sulla formula

La formula del prestito oneroso sembra incontrare il favore di tutte le parti in gioco, anche quella del Dortmund che così avrebbe tempo fino a giugno 2024 per trovare un club disposto a offrire i 20 milioni richiesti per la cessione a titolo definitivo. Il club tedesco però ha aperto al prestito a una condizione, che sia inserito nell’accordo l’obbligo di riscatto. L’Inter invece vorrebbe la formula del diritto di riscatto. Per Marotta però non c’è nessuna fretta di trovare un’intesa. Sembra quindi tutto rimandato agli ultimi giorni di mercato

Calciomercato, le alternative dell’Inter a Akanji

Proprio perché potrebbe rivelarsi un colpo da ultimi giorni l’Inter non vuole rischiare di rimanere a corto di alternative in caso non si concluda come sperato. Il secondo nome sulla lista sembra essere quello di Francesco Acerbi. Non sono messe in dubbio doti ed esperienza. Il problema sono i 4 milioni richiesti dalla Lazio, ritenuto dai nerazzurri eccessivi per il 34enne.

È derby con il Milan per un altro obiettivo

Scorrendo la lista dei possibili vice de Vrij sembra che potremmo scorgere anche il nome di Japhet Tanganga. Il centrale del Tottenham è da mesi anche un obiettivo del Milan che sta lavorando per riceverlo in prestito. Come per Akanji, anche per l’inglese però sarebbe necessario accettare l’obbligo di riscatto e questa opzione avrebbe freddato gli animi dei nerazzurri. 

Marchetti: “L’Inter non può vendere a qualsiasi prezzo”

Tempo di lettura: < 1 minuto

MARCHETTI INTER CALCIOMERCATO INTERVISTA - Sono ultimi giorni di fuoco per il calciomercato. In casa Inter resta ancora da scoprire quale sarà il destino di Skriniar e Dumfries. Da settimane la società ripete che la loro cessione ha motivi esclusivamente economici, ma ancora nessuna offerta tra quelle ricevute ha smollo l’interessamento dei nerazzurri.

Perché? Ha risposto al quesito Luca Marchetti, giornalista di Sky Sport, ai microfoni della trasmissione TMW Radio. Queste le sue parole. 

L'intervista di Marchetti sul calciomercato dell’Inter

"L'Inter deve sempre avere il giusto equilibrio tra competitività e sostenibilità economica. Non può vendere chiunque e a qualsiasi prezzo l’Inter, per questo Skriniar non sta partendo: non è arrivata un’offerta congrua rispetto al mercato dei difensori, ma da qui ai prossimi quindici giorni non possiamo sapere se arriverà o meno un’offerta da almeno 70 milioni.

L’Inter probabilmente venderà Casadei per 15 milioni più bonus al Chelsea, e il riferimento per le cessioni dell’Inter è proprio il mercato inglese. Se acquisti Cucurella per 65 milioni, quando chiedi Skriniar o Dumfries devi pagarli una cifra simile a quella. Dal punto di vista tecnico l’Inter non vuole cedere Skriniar, poi c’è sempre la questione economica da tenere in considerazione. Bisogna fare delle scelte, talvolta dolorose, e per questo la società sta pensando di cedere Casadei".

Sconcerti: "L’Inter mi ha colpito. Ecco perché..."

Tempo di lettura: 2 minuti

SCONCERTI INTER LECCE INTERVISTA - Al termine della prima giornata di Serie A per la stagione 2022/2023, non si è fatta attendere l’analisi delle partite disputate di Mario Sconcerti. Il giornalista è stato ospite di TMW Radio, dove ha fatto un confronto tra Milan e Inter.

Le parole di Sconcerti sul Milan 

"Andando un po’ in genere, per ora hanno vinto tutte le favorite. Il Milan ha vinto con un po’ più di facilità, da quello che leggo anche la Roma però il Milan aveva l’avversario forse più forte, ha avuto delle difficoltà tattiche perché l’Udinese giocava con 5-6 centrocampisti. Questo ha dato fastidio al Milan, l’Udinese era in superiorità numerica a centrocampo però poi il Milan ne è uscito facendo quattro gol, senza mai dare la sensazione di far fatica".

Sconcerti sulla partita contro l'Udinese della squadra rossonera"

"È stata una partita faticosa visto lo svantaggio, però nonostante il buon gioco dell’Udinese era abbastanza chiaro che il Milan avrebbe vinto la partita. Non ho visto un buon Leao, ma di certo non sono preoccupato per questo. Ho visto invece bene Bennacer e molto bene Kalulu, che mi è sembrato ancora il migliore della difesa.”

L’intervista a Sconcerti sulla prestazione dell’Inter a Lecce 

“L’Inter mi ha colpito, al di là della vittoria all’ultimo secondo. Ha creato tanto e nel primo tempo non ha concesso nulla al Lecce. Fondamentalmente tutti hanno fatto quello che dovevano. Il risultato del Torino è forse quello più sorprendente, con questi giovani come Radonjic e Vlasic che hanno veramente qualità. A Monza non era facile".

Sul Lecce, avversario dell'Inter

"A tratti ho visto una buona Inter. Bisogna fare i conti anche con l’avversario, il Lecce tornava in Serie A dopo qualche anno e seppur con un deficit tecnico ci ha messo tanto agonismo. Occupava bene il campo e quando serviva ha anche picchiato, il Lecce ha anche pareggiato però nell’ultima mezz’ora l’Inter ha trovato un avversario che non passava più la metà campo e l’unica ingiustizia è aver vinto all’ultimo secondo. Mi era sembrato chiaro che l’Inter meritasse di vincere prima, ci sono state parate importanti del portiere del Lecce".

Sconcerti sulla prestazione di Dimarco

"C’è stata una prestazione importante di Dimarco, è vero che non dribbla ma non ne ha bisogno perché ha un sinistro strepitoso che crea sempre grandi imbarazzi alle difese avversarie. È stata la chiave per vincere la partita, ha messo dentro una decina di palloni veramente interessanti, ha una continuità nella pericolosità che poche volte si è vista".